associazione fare arte di Prato
Homepage  Programmi

INFORMAZIONI utili

MODULO di iscrizione all'Associazione

Segreteria in Palazzo Vai, via Pugliesi 26, piano terreno.

Orario di segreteria: secondo e quarto mercoledì di ogni mese dalle ore 15 alle 17 .
La segreteria è chiusa per la pausa estiva.
Riaprirà mercoledì 7 sett
embre .

Siamo disponibili per informazioni e prenotazioni ai segueti recapiti: segreteriafarearte@gmail.com 335 5312981 - 335 5312904

apri la pagina: LE GITE SOCIALI


Le visite guidate si svolgono nel rispetto delle norme anti Covid, secondo la legge vigente.

 

LUGLIO 2022

Martedì 5 luglio, ore 21,15 - PRATO
"Storie diverse di gente comune"
Racconti di solidarietà e accoglienza in Prato

Ingresso da via Pomeria, 42

Presentazione dei volumi fotografici di Fabrizio Tempesti
Storie diverse di gente comune (Giorgio La Pira)
L’ombra della luce (Unione Italiana Ciechi)
Kepos a Prato, un giardino che pulsa a ritmo del cuore (Kepos)

 

 

Illustrazione storica del Bastione di Santa Chiara a cura di FareArte
Proiezione di immagini di Fabrizio Tempesti

Intervengono con l’autore
Rappresentanti dell’Opera di Santa Rita e delle tre associazioni
Modera la giornalista Caterina Fanfani.

Al termine della serata sarà offerto un gustoso buffet a cura dei ragazzi di Santa Rita

Ingresso libero.

Con il contributo di:
Comune di Prato
IAMA Centro Medico Convenzionato ASL 
Comitato Via Pomeria

____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________


Giovedì 7 e 14 luglio, ore 21,00 - PRATO
Sere d'estate con Federico II

Visite guidate dedicate alla figura dell'imperatore Federico II, ai suoi rapporti con Prato e alla tradizione culinaria del suo tempo

Il giardino prospiciente l’ingresso del Cassero su Via Pomeria è statp da poco intitolato all’imperatore Federico II di Svevia, che ha lasciato in ereditą alla cittą il suo monumento pił famoso, simbolo e identitą di Prato: l’omonimo Castello, unico esempio di fortilizio militare svevo nell’Italia centrale, che ricorda, nella sua forma, la perfezione del geometrismo federiciano, espressione in chiave architettonica del potere assoluto imperiale.
L’omaggio a uno dei pił celebri e affascinanti protagonisti della storia politica e culturale dell’intera Europa, profondamente legato a Prato.


Giovedì 7 luglio, ore 21: Federico II: dal Castello dell’imperatore, al chiesino di San Giovanni fino al Cassero

Una lettura del tessuto urbano di Prato fra architettura, geometria e simbolismo.

Al termine della visita, a ciascun partecipante sarà distribuito un cestino di assaggi

____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Giovedì 14 luglio, ore 21: “A tavola con Federico II”.

La corte di Federico II di Svevia come luogo simbolo dello scambio tra culture, dell’incontro tra Oriente e Occidente, anche in cucina.
Con l' illustrazione dello storico dell’alimentazione Fabrizio Trallori.

Al termine della visita, a ciascun partecipante sarà distribuito un cestino di assaggi

Partecipazione gratuita. Prenotazione obbligatoria, posti limitati.
Prenotazioni segreteriafarearte@gmail.com 

Inviare nome, cognome e recapito telefonico.

 

____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Domenica 17 luglio, gita e PRANZO SOCIALE
IL CASENTINO tra storia e spiritualità

Monastero e Sacro Eremo di CAMALDOLI
 
“Pranzo del Pellegrino” nella Foresteria del Monastero

Santuario di Santa Maria del Sasso a BIBBIENA

 

Verso l’anno 1025 il monaco san Romualdo di Ravenna, ricevuto in dono dal vescovo di Arezzo Teodaldo di Canossa (zio della più famosa Matilde), un appezzamento di terreno in un luogo molto solitario dell’Appennino Tosco-Romagnolo, fonda l’Eremo, facendo costruire la chiesa con le prime cinque celle eremitiche. Romualdo interpreta così l’esigenza di una vita in solitudine organizzandola in una struttura di tipo comunitario. La Cella di San Romualdo, dove secondo la tradizione avrebbe abitato San Romualdo, è una piccola abitazione con antistante giardino circondato da mura. La stanza centrale contiene quanto di più immediato possa servire all’eremita, cioè il letto ad alcova e un piccolo armadio a muro e all’interno è rivestita in legno per isolare dal freddo. Qualche tempo dopo nascerà, tre chilometri più a valle, l’Ospizio (il futuro Monastero), posto inizialmente come baluardo al silenzio e alla solitudine dell’Eremo.
Il Santuario di S. Maria del Sasso si trova a un chilometro da Bibbiena; è un complesso architettonico di grande valore storico, artistico e religioso, unico esemplare rinascimentale del Casentino, dichiarato nel 1899 monumento nazionale. Il Santuario prende il nome da un gran masso sul quale, nel 1347, apparve la Madonna alla piccola Caterina. Oltre al magnifico chiostro rinascimentale e a diverse opere d'arte, al centro della Basilica si conserva l’artistico tempietto di stile corinzio di Bartolomeo Bozzolini da Fiesole, che racchiude l’affresco della Madonna del Sasso di Bicci di Lorenzo.


Riservata soci FAREARTE
Costo a persona €70 sulla base di almeno 25 partecipanti.
Comprensivi di: viaggio in bus con accompagnatore di FareArte, assicurazione medico bagaglio.
Pranzo e biglietto d’ingresso con visite guidate come da programma.
PRENOTAZIONI in corso; acconto 30 €; saldo entro il 1 luglio.

RECAPITI: 335.5312981-335.5312904 segreteriafarearte@gmail.com

Programma e dettagli della gita da scaricare in pdf

 

____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
I NOSTRI INCONTRI ON LINE DA RIVEDERE

Lunedì 8 marzo, ore 21
Incontro on line da rivedere su Youtube
DONNE E POESIA il mondo visto con altri occhi

La letteratura femminile è sempre stata considerata minore rispetto a quella maschile, almeno in termini di copiosità. La scarsità di figure femminili nel panorama letterario non è dovuta all’assenza di astro creativo, bensì ai fattori storico-ambientali e sociali, che per molti secoli hanno impedito alle donne dipotersi esprimere liberamente, negando loro l’accesso al sapere e ostacolandone l’espressione letteraria. Le poetesse nella storia hanno dato una lettura del mondo unica e all’avanguardia, in ogni epoca. Con le loro personalità hanno dato voce a temi importanti: dall’amore alla religione, dalla guerra alla quotidianità, fino alla definizione di un “io” non individualista, ma collettivo, l’io femminile.

Uno scorcio su alcune protagoniste della letteratura, per scoprire le più significative protagoniste femminili.

A cura di Maria Cristina Mengozzi

In collaborazione con AParte - Associazione Pecci Arte

Per rivedere l'incontro registrato, potete cliccare sul link Donne e poesia

________________________________________________________________________________________________________________________________________


Per rivedere l' incontro del 14 gennaio 2021
I colori e l’oro di Siena: la Maestà di Duccio di Buoninsegna per la cattedrale senese.

Il 9 giugno 1311 prende vita il capolavoro della grande Maestà di Duccio, la grande icona che sarebbe stata rappresentativa di quello che per secoli si sarebbe celebrato sull’altar maggiore della cattedrale di Siena, dedicata all'Assunta. Maria era la regina e la patrona di Siena.
Una processione di popolo accompagnò questa icona che prendeva il suo posto posto nella sua domus ecclesiae. Era un grande dipinto a tempera su tavola che prese posto sull'altar maggiore fino al 1506. 
Oggi, seppur decurtato della cornice e di alcune formelle, si può ammirare al Museo dell’Opera Metropolitana di Siena.

Per rivedere l'incontro registrato, potete cliccare sul link https://www.youtube.com/watch?v=zA1_Jc9a72c

_______________________________________________________________________________________________________________________________________________

Per rivedere l'incontro del 18 dicembre 2020

Incontro online 
"Il mondo di Cosimo III de' Medici, sulle ali del flauto"


Interventi:
Angelo Cattaneo, ricercatore CNR
Sguardi sul mondo globale al tempo di Cosimo III: le Carte di Castello della Biblioteca
Laurenziana

Cristina Italiani, flauto live
Musica al tempo di Cosimo III e del Gran Principe Ferdinando: interpretazione di brani di Martino Bitti, Jean- Jacques Rousseau e Antonio Vivaldi.

Rossella Foggi, storica dell’arte: Vita in villa ai tempi di Cosimo III: Marguerite Louise d’Orleans e il gran Principe Ferdinando nella villa di Poggio a Caiano

Il video è disponibile su Youtube cliccando QUI

_______________________________________________________________________________________________________________________________________________

Video-percorso alla scoperta di Prato fra arte, storia, cultura e negozi storici.

Progetto realizzato con Confcommercio Pistoia e Prato, a cui ha collaborato la nostra Associazione.

 

Il video è disponibile su Youtube cliccando QUI

 

______________________________________________________________________________________________________________________________________________


Vi suggeriamo di iscrivervi alla nostra newsletter, per rimanere sempre aggiornati tramite mail.
Lo potete fare dalla Homepage.

Per qualsiasi informazione o necessità ci trovate ai recapiti:
? ? 335.5312904 - 335.5312981
? ? segreteriafarearte@gmail.com

Seguiteci anche sulla pagina Facebook, attraverso la quale potrete mettervi facilmente in comunicazione con noi!!!

Se volete, potete vedere o rivedere alcuni video su youtube, che parlano di arte, cucina e cultura a Prato e dintorni!

_______________________________________________________________________

 

 

apri la pagina: LE GITE SOCIALI

 

Inizio pagina | Indietro