associazione fare arte di Prato
Homepage  Programmi

INFORMAZIONI utili

MODULO di iscrizione all'Associazione

Segreteria in via Pugliesi 26, piano terreno, presso Monash University.
Giorni e orari di apertura:
tutti i venerdì dalle 16,30 alle 18,30;
il 2° e il 4° martedì di ogni mese, dalle 16,30 alle 18,30.

Brochure in pdf programma
da GENNAIO ad AGOSTO 2017
esterno - interno

____________________

apri la pagina: LE GITE IN BUS ________________________

 

 

 

EVENTI MAGGIO 2017

Sabato 6 maggio, ore 15,30 PRATO
"ma tu la conosci Prato?"

Passeggiate fra storia e arte per le vie di Prato e le opere del Museo di Palazzo Pretorio

Un percorso per conoscere alcuni capolavori della Prato rinascimentale, soprattutto le opere della fammosa scuola dei Della Robbia e di Giuliano da Sangallo nella Basilica di Santa Maria delle Carceri e le opere del Quattrocento nella Cattedrale di Santo Stefano.
Al termine, nel Museo di Palazzo Pretorio potremo ammirare da vicino i rilievi donatelliani e robbiani qui custoditi.

Visita guidata e ingresso al museo 6 euro.

Appuntamento: Piazza delle Carceri

Visita guidata specializzata. Su prenotazione.
Cell. 335 5312981 - mail to segreteriafarearte@gmail.com

______________________________________________________________________

Domenica 7 maggio ore 14,00 gita in bus
BADIA A PASSIGNANO

L’abbazia fu fondata nel 1049 da San Giovanni Gualberto ed ha la forma di un complesso monastico fortificato da torri agli angoli. Verso la metà dl XV secolo il convento fu allargato e fu aggiunto il chiostro e un muro. La chiesa del monastero ha interessanti dipinti di Domenico Cresti detto il Passignano. Il refettorio, la cucina e le stanze capitolari sono aperte sul chiostro e possono essere visitate.
L’abbazia fu fondata nel 1049 da San Giovanni Gualberto ed ha la forma di un complesso monastico fortificato da torri agli angoli. Verso la metà dl XV secolo il convento fu allargato e fu aggiunto il chiostro e un muro. La chiesa del monastero ha interessanti dipinti di Domenico Cresti detto il Passignano.

Il refettorio, la cucina e le stanze capitolari sono aperte sul chiostro e possono essere visitate.

Bus privato con accompagnatore e visita guidata. Su prenotazione, è previsto un contributo di partecipazione.
mail to segreteriafarearte@gmail.com

Volantino della gita

______________________________________________________________________

Domenica 14 maggio ore 10,30 FIRENZE
Museo di San Marco e Chiostro dello Scalzo


Visiteremo il rinascimentale convento dei frati domenicani, che conserva l'atmosfera antica. Il convento ebbe un ruolo importante nella vita religiosa e culturale della città, dalla sua fondazione e il rapporto con la famiglia Medici fino alla vicenda di fra Girolamo Savonarola. La fama del museo è dovuta soprattutto ai dipinti di Beato Angelico e alla splendida biblioteca michelozziana.
Il vicino chiostro dello Scalzo era l'atrio della cappella della Compagnia dei Disciplinati di San Giovanni Battista, detto dello Scalzo, fondata nel 1376. Il grande pittore fiorentino Andrea del Sarto affrescò le pareti del chiostro cono scene monocrome rappresentanti la Vita del Battista e le Virtù.

Appuntamento: Firenze, Piazza San Marco. Treno dalla Stazione Centrale di Prato ore 9,29.

Visita guidata specializzata. Su prenotazione.
Cell. 335 5312981 - mail to segreteriafarearte@gmail.com

______________________________________________________________________

 

Domenica 21 maggio ore 15,30 FIRENZE
Museo Stibbert

Il Museo deve la sua esistenza ad un uomo straordinario, Frederick Stibbert, nato a Firenze ma educato in Inghilterra, che raccolse armi e armature; col tempo si affiancarono i costumi, la quadreria, gli arazzi, gli oggetti di arredo e di arte applicata nel desiderio di documentare tutti i settori in cui le modificazioni del gusto e lo sviluppo delle tecniche produttive stimolavano la realizzazione di oggetti d'arte.
Recentemente è stata riaperta la Sezione Giapponese, una delle più straordinarie esistenti al mondo. Gli interventi di restauro hanno riportato al loro originario aspetto tutti gli ornati che fanno da scenografico sfondo alle armature dei samurai, le vetrine e gli arredi secondo lo spettacolare gusto tipico di Frederick Stibbert.

Oltre alla casa sarà possibile visitare il parco romantico all’inglese con tempietti, grotte e giochi d’acqua.

La visita sarà guidata, in esclusiva per noi, dal curatore del museo.

Appuntamento: ore 15,15 Firenze, via Federigo Stibbert, 26.

Visita guidata specializzata. Posti limitati. Su prenotazione.
Cell. 335 5312981 - mail to segreteriafarearte@gmail.com

______________________________________________________________________

Domenica 28 maggio - gita in bus
La SCARZUOLA e Città della Pieve


Nel comune di Montegabbione, nascosta tra le colline umbre, esiste un luogo conosciuto come La Scarzuola, famoso per essere stato dimora di San Francesco d'Assisi. Nel 1956 il convento e tutta la proprietà circostante vennero acquistati e restaurati dall'architetto milanese Tomaso Buzzi che edificò una straordinaria costruzione surreale: la Città Ideale.

Città della Pieve è un borgo cinto ancora oggi per buona parte da mura trecentesche e di aspetto tanto medioevale e vanta il vicolo più stretto di Italia: la via Baciadonne.
Nelle sue chiese potremo ammirare opere del suo cittadino più illustre, il pittore Pietro Perugino.


Itinerario in bus con accompagnatori e visite guidate e pranzo in ristorante.

Volantino della gita alla Scarzuola

______________________________________________________________________

EVENTI GIUGNO 2017

 

Sabato 10 giugno ore 16,00 QUARRATA
Villa Medicea "La Magia"

Situata su un’altura alle pendici settentrionali del Montalbano, la villa, domina incontrastata la zona circostante, ergendosi con la sua compatta massa quadrata di residenza fortificata che ha assunto nel corso dei secoli.
Villa la Magia da semplice casa torre realizzata dalla famiglia Panciatichi nella prima metà del Trecento, fu ampliata tra il 1427 e il 1465, fino ad assumere sembianze di una vera e propria residenza disposta intorno a un cortile centrale.
Nel 1584 la residenza fu venduta al granduca Francesco I de' Medici. Nell'anno seguente, sotto la guida dell'architetto di corte Bernardo Buontalenti, furono eseguiti i lavori di ristrutturazione e, nello spazio retrostante alla villa, si realizzò un lago artificiale.
La villa rimase della famiglia Medici fino al 1645. In quello stesso anno, venne acquistata da Pandolfo Attavanti di Castelfiorentino. I nuovi proprietari dedicarono particolare impegno al giardino sulla facciata meridionale della villa, con l'esecuzione di un grande terrazzamento, completato intorno al 1710.
L'edificio fu invece ampliato e decorato in maniera significativa tra il 1708 e il 1716, su commissione di Amerigo Attavanti, per ammodernarne l'aspetto secondo il gusto del tempo. I lavori riguardarono la costruzione di un monumentale scalone, assieme alla decorazione pittorica e plastica di numerose sale al piano terreno e al piano nobile.
Nel 1766 La Magia fu di proprietà della famiglia Amati che, nel corso degli anni Novanta del Settecento, commissionò la sistemazione del ‘selvatico' cinquecentesco in giardino paesaggistico secondo i dettami del landscape gardening.
Estinta la famiglia Amati nell'Ottocento venne ereditata da Giulio di Luigi Cellesi.
L'amministrazione comunale acquistò infine nel 2000 il complesso, con l'intenzione di conferirgli una destinazione culturale per la riqualificazione del patrimonio storico locale.
La villa è dal 2013 iscritta nella Lista del Patrimonio UNESCO.

Appuntamento ore 15,45 all'interno del parcheggio della villa, via Vecchia Fiorentina 63, Quarrata (PT)

Visita guidata specializzata. Su prenotazione, è previsto un contributo di partecipazione
mail to segreteriafarearte@gmail.com

_______________________________________________________________________

Domenica 18 giugno - gita e pranzo sociale in bus
La MONTAGNA PISTOIESE, tra arte e lavoro

Un itinerario alla scoperta degli storici luoghi di lavoro e di produzione dell'Appennino Pistoiese:
Le Piastre ci inoltreremolungo l'itinerario del ghiaccio fino alla Ghiacciaia della Madonnina.
Qui si ripercorre la storia della produzione del ghiaccio naturale iniziata dalla fine del '700 fino ai primi decenni del '900.
A Pontepetri visiteremo il Museo del Ferro che conserva attrezzi per lavorare il ferro provenienti dalle antiche ferriere locali.
Nel giardino vicino al museo sono visibili due grandi ruote in legno e un maglio che si muovono con l’energia dell’acqua.
Ci sposteremo successivamente a Gavinana per il pranzo.
Poi, dopo aver visitato Gavinana, raggiungeremo Maresca dove a piedi raggiungeremo la più antica ferriera (XV secolo) della Toscana, la Ferriera Papini, restaurata ed inaugurata lo scorso 25 settembre.
In questo edificio, che contiene strumenti originali, gli artigiani della Montagna vi permetteranno di cimentarvi in attività di forgiatura e battitura del ferro.


Itinerario in bus con accompagnatori e visite guidate e pranzo in ristorante.

 

apri la pagina: LE GITE IN BUS

 

Inizio pagina | Indietro